Categorizzato | EVENTI

ROMA. Le leggi delle donne che hanno cambiato l’Italia

Pubblicato il 27 settembre 2013 da redazione

14 ottobre 2013
16:00
Presentazione del libro a cura della Fondazione Nilde Iotti (edizioni Ediesse)

Le leggi delle donne che hanno cambiato l’Italia

Roma, Lunedì 14 ottobre, ore 16.00 – 19.00

Senato della Repubblica, Sala Capitolare, Piazza della Minerva 38

saluti Pietro Grasso, Presidente del Senato

Interviene il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza

ne discutono

Isabelle Chabot, Presidente della Società Italiana delle Storiche

Anab Farah, mediatrice culturale

Valeria Fedeli, Vicepresidente del Senato

Stefano Rodotà, giurista e politico

Livia Turco, Presidente della Fondazione Nilde Iotti
Saranno presenti le autrici: Daniela Carlà, Tiziana Casareggio, Eleonora Cicconi, Marina Costa, Silvia Costa,

Paola Gaiotti De Biase, Vanda Giuliano, Donata Gottardi, Rosa Jervolino Russo, Grazia Labate, Marisa Malagoli Togliatti, Claudia Mancina, Francesca Marinaro, Elena Marinucci, Vaifra Palanca, Rita Palanza, Daniela Piccione, Francesca Russo, Alessandra Tazza, Livia Turco.

I giornalisti devono accreditarsi presso l’ufficio stampa del Senato (fax: 06.6706.2947 oppure e-mail: accrediti.stampa@senato.it). Le richieste devono contenere i dati anagrafici (luogo e data di nascita), gli estremi della tessera dell’Ordine dei giornalisti, gli estremi del documento di identità per gli altri operatori dell’informazione e l’indicazione della testata di riferimento. Per ogni altra esigenza contattare direttamente l’Ufficio Stampa al numero 06.6706.3451.

Un filo rosso attraversa le leggi volute dalle donne: la promozione della dignità della persona

umana attraverso l’inclusione sociale, l’inserimento nel lavoro, la lotta alle discriminazioni,

la valorizzazione dei legami familiari. La promozione della parità e il riconoscimento

della differenza femminile.  Dall’introduzione di Livia Turco

Se non ci fossero state le donne in questa nostra Repubblica, se non ci fossero state le loro tenaci battaglie di emancipazione e liberazione – condotte attraverso un intreccio fecondo di iniziative delle associazioni, dei movimenti, dei partiti, delle istituzioni – l’Italia sarebbe oggi un Paese molto più arretrato e molti articoli della Costituzione non sarebbero stati applicati. Questo debito che l’Italia ha nei confronti delle donne lo racconta in modo inedito questo libro scritto e curato dalle volontarie della Fondazione Nilde Iotti. Lo fa illustrando in modo rigoroso e semplice le tappe e i contenuti delle conquiste legislative – dall’inizio della Repubblica alla conclusione dell’ultima legislatura – che hanno cambiato la vita delle donne e l’assetto economico, sociale e culturale del nostro Paese.

Per capire quanto complesso sia stato il percorso che abbiamo alle spalle è importante ricordare alcune date: nel 1963 le donne possono finalmente accedere alla magistratura; dal 1968 l’adulterio femminile non è più considerato reato; dal 1970 è possibile divorziare; dal 1975 esiste parità tra i coniugi nel diritto di famiglia; nel 1978 viene approvata la legge sull’aborto e nel 1981 il “delitto d’onore” non è più riconosciuto nel diritto penale. Solo dal 1996 la violenza sessuale è reato contro la persona e non contro la moralità pubblica e il buoncostume. E solo nel 2012 si è completata la piena parità giuridica tra figli nati dentro e fuori del matrimonio. E resta ancora molto da fare.

La Fondazione Nilde Iotti, donne, cultura, società vuole promuovere tra i giovani il messaggio della “eleganza” della politica che ci ha lasciato in eredità Nilde Iotti. Eleganza come cultura, apertura agli altri e alle altre, come servizio e promozione del bene comune. La formazione la memoria, la valorizzazione delle competenze femminili per il governo del paese, la convivenza tra italiane e immigrate sono le attività che la Fondazione svolte attraverso l’impegno volontario delle sue aderenti.

i giornalisti devono accreditarsi presso l’ufficio stampa del Senato e inviare una mail di conferma a ufficiostampa@ediesseonline.it

Info

Casa editrice Ediesse: Viale di Porta Tiburtina 36 – 00185 Roma   tel. 06 44870286 cel. 338 1143059 ufficiostampa@ediesseonline.it

www.ediesseonline.it Venite a trovarci su facebook! Su twitter @Ediesse

Fondazione Nilde Iotti: Via Sebino, 43A – 00199 Roma  tel: 06 48887528 info@fondazionenildeiotti.it

www.fondazionenildeiotti.it

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      ottobre 2013
      lun mar mer gio ven sab dom
       123456
      78910111213
      14151617181920
      21222324252627
      28293031EC

      Archivio anni