Categorizzato | INFORMAZIONE

INFORMAZIONE. CHI FA (LA) NOTIZIA IN EUROPA?Risultati dell’Osservatorio Europeo sulle Rappresentazioni di Genere (OERG).

Pubblicato il 16 maggio 2014 da redazione

CHI FA (LA) NOTIZIA IN EUROPA?


PastedGraphic-2

COMUNICATO STAMPA – 14 maggio 2014: Risultati dell’Osservatorio Europeo sulle Rappresentazioni di Genere (OERG). OERG_2013_
Per il terzo anno consecutivo l’Osservatorio di Pavia ha monitorato la rappresentanza e la rappresentazione delle donne nei principali notiziari pubblici e privati di 5 paesi europei: Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Spagna, registrando qualche progresso, ma ancora poco significativo.

Come nel 2012, a far notizia nei TG europei sono soprattutto gli uomini: 3689 su 5410 soggetti rilevati. Le donne sono circa un terzo delle persone di cui si parla e/o intervistate: il 32%, in crescita di 3 punti percentuali rispetto al 2012.

A registrare un aumento significativo sono i TG inglesi e tedeschi che passano rispettivamente dal 23% e 22% al 30%. I notiziari di Francia e Spagna, già sopra la media negli anni precedenti, rimangono sostanzialmente stabili con il 33% e il 36% di visibilità femminile nelle notizie. I notiziari italiani continuano a essere i piuù sbilanciati, registrando una percentuale femminile del 25% (un punto in piuù rispetto al 2012), a fronte di una quota di giornaliste superiore al 50%.

In tutti i casi, a far notizia sono soprattutto le donne giovani. Fra gli under 18, le donne ottengono una rappresentanza pari al 52%, nella fascia fra i 19 e i 34 anni registrano una presenza del 43%. Viceversa fra gli over 50 la proporzione è di una donna ogni quattro uomini: il 23% nella fascia 50-64 e il 26% fra gli over 64.

Le donne sono pressoché invisibili nelle notizie sportive, solo l’11%, e poco presenti nell’informazione politica, con una rappresentanza del 23%, un valore medio fra il 29% dei notiziari spagnoli e le percentuali significativamente piuÀ basse degli altri notiziari: il 17% dei notiziari inglesi, il 18% di quelli francesi, il 20% di quelli italiani e il 21% di quelli tedeschi.

Nonostante un significativo aumento delle donne protagoniste delle notizie, che passano da una quota del 20% del 2012 al 28% del 2013, tutte le testate giornalistiche continuano a evidenziare una forte dicotomia fra ruoli comuni e anonimi, maggiormente rappresentati dalle donne, e ruoli autorevoli, prestigiosi, correlati all’esercizio di una specifica professione, perlopiuù rappresentati dagli uomini: le donne sono il 51% fra le persone interpellate come voce dell’opinione popolare, il 45% dei narratori di esperienze personali e il 42% dei testimoni di eventi; mentre sono soltanto il 21% sia fra gli esperti/opinionisti sia fra i portavoce di associazioni, enti, istituzioni, partiti.

I professionisti che popolano piuù spesso i TG europei sono prevalentemente politici o imprenditori/dirigenti di sesso maschile: fra i 1113 politici registrati le donne sono solo il 19% e fra i 347 imprenditori/dirigenti/economisti il 13%.

Le donne ottengono viceversa una rappresentanza elevata fra le numerose persone oggetto o fonte di notizia per via della loro posizione sociale (per esempio, sono il 49% degli 823 “abitanti di paese” registrati) oppure fra le persone di cui non viene citata né una professione né una posizione sociale (in tutto 523), perché irrilevante ai fini delle notizie, nel 52% dei casi di sesso femminile. Cioò può accadere quando le donne sono interpellate come fonti di opinione popolare, oppure quando sono newsmaker in quanto vittime: entrambi casi molto frequenti.

Le donne che hanno fatto notizia come vittime nei TG monitorati nel 2013 sono 159, ben il 9% del campione (contro il 4% degli uomini): 17% (vs il 7% degli uomini) nei TG inglesi, 16% (vs il 7% degli uomini) in quelli italiani, 12% (vs il 3% degli uomini) nei TG francesi, 7% (vs il 4% degli uomini) in quelli tedeschi e 3% (vs l’1% degli uomini) nei notiziari spagnoli.

Sul fronte del chi fa o daà le notizie, donne e uomini registrano condizioni prossime fra loro in quasi tutti i TG, tranne in quelli della tedesca Ard e delle inglesi BBC 1 e ITV1, che continuano a essere sotto questo profilo molto maschili.

Nel 48% dei casi i TG sono condotti da donne. Anche le giornaliste corrispondenti e/o autrici di servizi sono numerose: mediamente il 51%, con discostamenti significativi fra paesi e, in taluni casi, fra emittenti pubbliche e private. Le notizie dei TG spagnoli sono a cura di giornaliste nel 61% dei casi, quelli italiani nel 54% dei casi, quelli francesi nel 47% dei casi, quelli tedeschi e inglesi rispettivamente nel 36% e 27% dei casi. Mentre nel caso di Spagna, Italia e Francia le giornaliste sono numerose sia nei TG pubblici che in quelli privati, per Germania e Inghilterra si registrano significative differenze fra la TV pubblica e quella privata: solo il 19% sono le giornaliste di Ard, contro il 49% di RTL; solo il 24% le giornaliste di BBC1 vs il 31% delle colleghe di ITV1.

Nota metodologica

I risultati della ricerca si basano sul III anno di monitoraggio dell’OERG, l’Osservatorio Europeo sulle Rappresentazioni di Genere, avviato il 17 gennaio 2011 dall’Osservatorio di Pavia, sul modello del Global Media Monitoring Project.

La ricerca ha considerato i dati relativi ai TG trasmessi in prima serata dalle due principali TV (la prima TV pubblica e la prima TV privata per rilevanza nel sistema media di ogni paese e per ascolti) di Francia, Germania, Inghilterra, Italia e Spagna: France 2 e TF 1, Ard e RTL, BBC 1 e ITV 1, Rai 1 e Canale 5, TVE e Telecinco.

Per ogni testata giornalistica sono state analizzate 12 edizioni campione, una al mese, ruotando di volta in volta il giorno della settimana.

La ricerca ha indagato: chi fa notizia nei TG (persone di cui si parla e/o intervistate), chi daà e fa le notizie nei TG (conduttrici e conduttori, giornalisti e giornaliste autrici di servizi e/o corrispondenti), come sono fatte le notizie dei TG, in una prospettiva di genere.

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      agosto 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
       1234
      567891011
      12131415161718
      19202122232425
      262728293031 

      Archivio anni