Categorizzato | VIOLENZA

VIOLENZA. Stretta UE su abusi minori

Pubblicato il 27 ottobre 2011 da redazione

 

 

(Strasburgo) E’ stata adottata ieri
dal Parlamento Europeo (vedi Delt@ ieri)
la direttiva con la quale i paesi dell’Unione europea intendono armonizzare e
rendere piu’ severe nei prossimi due anni le leggi contro la pedofilia e la
pornografia infantile su Internet.

 

 

Dieci
anni di carcere per chi costringe un bambino alla prostituzione o atti sessuali
, tre anni per coloro
che realizzano immagini pornografiche di minori e le diffondono sul web e un
anno per chi verrà sopreso a scaricare materiale del genere, e sanzioni per chi
“richiede” on line l’amicizia ai bambini con l’intenzione di abusarne.

 

 

Queste le pene previste dal progetto di legge
già oggetto di un compromesso con i governi dei 27, e che entrerà presto in
vigore.

 

 

 Ancora,
per quanto riguarda la pornografia infantile, gli Stati membri, che hanno ora
due anni per recepire tali disposizioni nella loro legislazione nazionale, saranno
tenuti a cancellare i siti ospitati da server nel loro territorio nel più breve
tempo possibile. Se il server si trova all’estero, si cercherà di ottenere la
cancellazione dalle autorità nazionali interessate.

 

 

E’ la seconda volta che l’Unione europea
adotta una legge che impone agli Stati di armonizzare le loro legislazioni
penali, una possibilità prevista dal Trattato di Lisbona entrato in vigore alla
fine del 2009. Il primo testo riguardava la lotta contro il traffico di esseri
umani.

 

 

Commentando l’approvazione, con voto quasi
unanime, della direttiva anti-pedofilia proposta dall’eurodeputata Roberta
Angelilli, la Ministra delle Pari opportunità Mara Carfagna ricorda come“L’Italia vanta norme molto severe contro
pedofilia e pedopornografia, si è dotata di organismi e strutture che
contrastano con determinazione il fenomeno più orribile che la mente umana
possa immaginare. Il Parlamento europeo, approvando la direttiva che prevede
misure di prevenzione e repressione degli abusi sui minori, consentirà di
rendere ancora più completo il quadro normativo, di uniformare la legislazione
degli Stati e, quindi, di rendere più agevole l’individuazione e l’arresto dei
colpevoli di questo terribile reato”.

 

 

 “La
lotta contro ogni forma di abuso sui minori non avrà più confini geografici o
virtuali: non ci saranno più ‘zone franche’ nel Continente e, soprattutto,
nessuno potrà più utilizzare internet per avvicinare o adescare i bambini”,
conclude  Carfagna.

 

 

(Delt@ Anno IX, n. 208 -
209 del 28 – 31 ottobre 2011)

 

 

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |, , , ,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      luglio 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
      1234567
      891011121314
      15161718192021
      22232425262728
      293031EC

      Archivio anni