Categorizzato | VIOLENZA

VIOLENZA. Stalking, è legge

Pubblicato il 23 aprile 2009 da Redazione Delt@

(Roma) E’ iniziata la stagione della tolleranza zero nei confronti di chi si macchia dei reati di violenza contro le donne. Con queste parole la Ministra per le Pari Opportunità Mara Carfagna ha salutato l’approvazione in via definitiva, ieri al Senato, del disegno di legge anti-stupri che inasprisce le pene contro chi compie reati sessuali e introduce il reato di stalking o ‘atti persecutori’. “Nei due mesi successivi all’approvazione del decreto – ricorda la Ministra – le norme sono già state utilizzate da centinaia di donne italiane per liberarsi dai loro incubi: gli arresti per stalking sono stati 102, le persone denunciate e sotto indagine 132, almeno 235 persone attendevano questo momento da anni. Tantissimi i casi di donne vittime di violenza sessuale che, grazie alle nuove norme, hanno potuto usufruire del patrocinio gratuito e hanno avuta garantita la certezza della pena per i loro aguzzini, che non saranno più ‘premiati’ con sconti della pena o arresti domiciliari e finiranno finalmente in carcere”.”Per questo governo, – continua Carfagna – la tutela delle donne è stata una priorità sin dal primo giorno e la maggioranza ha tenuto fede alla promessa fatta agli elettori e alle elettrici di un’Italia più sicura per tutti. Il Senato ha approvato la norma con soltanto due voti contrari. Voglio ringraziare – conclude Carfagna – anche l’opposizione che ha capito l’importanza delle misure da noi presentate e, seppur tra qualche polemica, ha deciso di contribuire a questa legge molto attesa dalle donne italiane di tutte le età e scritta proprio
per loro”.
Dello stesso avviso la collega di partito, Paola Pelino, secondo la quale ”il Governo ha così imostrato che la tutela delle donne è una scelta prioritaria, grazie alla nuova norma, fortemente voluta dal Ministro Carfagna, che ha già dato i primi frutti assicurando alla giustizia molti stalkers”. La nuova norma – lo ricordiamo – reprime le molestie insistenti che spesso degenerano nell’omicidio della vittima, con tutte le misure preventive, dall’ammonimento del persecutore al divieto di avvicinamento, con severità di pene, fino all’ergastolo in caso di morte della vittima di violenze sessuali o di gruppo o contro minore o per stalking. Il numero verde dedicato, le misure a
sostegno delle vittime e a tutela del territorio con gli stanziamenti finanziari appositi, il gratuito patrocinio per le vittime e gli arresti domiciliari solo se c’e’ attenuante. Tutte misure – conclude Pelino – che sono un segnale di forza che il Governo ha dato alla collettività per prevenire e reprimere questi gravi delitti di allarme sociale, con misure ferme e decise, finalmente divenute legge”.
Tutte in coro, altre deputate del Pdl esprimono soddisfazione di fronte a quella che reputano una risposta forte, “determinata – per Michaela Biancofiore, componente del Direttivo del Gruppo del Pdl alla Camera dei Deputati – sia alle donne che hanno diritto a essere difese e protette, sia a tutti
quei criminali che fino ad oggi hanno molestato vittime innocenti, sicuri di non essere puniti”.
Per Jole Santelli “I dati sul fenomeno dimostrano quanto importante fosse una legiferazione in materia: tra il 2002 e il 2007 addirittura il 20 % degli italiani è stato vittima di atti persecutori”.
“Molto importante è la misura del gratuito patrocinio per le vittime di un reato così odioso – aggiunge Santelli – che consente anche a chi non ne ha le possibilità economiche di denunciare il
proprio persecutore”.
“Il decreto approvato rappresenta – per Elisabetta Alberti Casellati, sottosegretaria alla Giustizia – un passaggio fondamentale, non solo perché costituisce una risposta forte sul fronte dell’emergenza-sicurezza, ma anche perché introduce norme innovative a tutela delle donne, che dimostrano da che parte sta il governo, schierato dalla parte delle donne con misure concrete, che
puntano a frenare l’inquietante escalation di violenza contro il mondo femminile. Con queste norme, da oggi le donne sono più libere e più sicure.
Per Barbara Saltamartini, responsabile delle Pari opportunità del PdL, “Si tratta di un passaggio fondamentale, anche in chiave preventiva, poiché sanzionare le minacce e le molestie insistenti vuol dire evitare che esse possano degenerare in reati ancora più gravi, come l’omicidio”. “D’altro canto – continua la parlamentare- il numero elevatissimo di arresti effettuati per stalking in questi due mesi e la crescita esponenziale delle chiamate al 1522 dimostrano l’efficacia di questa normativa”. “Particolarmente significativa anche la misura che dispone il gratuito patrocinio per le vittime di stupri: una scelta di giustizia e di sensibilità ma anche di concretezza. Molto spesso, infatti, a scoraggiare le denunce di violenza sessuale sono proprio le elevate spese legali da affrontare”. “Sono soddisfatta – conclude la responsabile delle Pari opportunità del Pdl – anche per lo spirito sostanzialmente bipartisan con cui il Parlamento ha licenziato questa legge che restituisce sicurezza e dignità alle donne”.
Con l’approvazione della legge “Viene colmato finalmente un vuoto legislativo grazie al governo e a un impegno bipartisan con una normativa sociale adeguata ai tempi e ai principi morali di una nazione democratica come l’Italia”. “Punendo in maniera forte questo orribile reato di grande pericolosità sociale sottostimato nei suoi esiti di cui sono vittime sempre più donne si da’ un segnale forte di quanto lo Stato tiene alla sicurezza ma anche a garantire una vita più serena alle cittadine e ai cittadini – dichiara Sandra Cioffi, presidente della Commissione Nazionale Pari opportunità.- Ora si tratta di rendere tale legge operativa subito nel migliore dei modi garantendo anche alle forze dell’ordine di tutto il territorio piu’ risorse e formazione adeguata all”accoglienza’ delle vittime e organizzando anche campagne di comunicazione che non siano solo informative ma
che garantiscano anche l’ascolto con personale altamente specializzato”.
(Delt@ Anno VII, N 87 del 23 Aprile 2009)

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      giugno 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
       12
      3456789
      10111213141516
      17181920212223
      24252627282930

      Archivio anni