Categorizzato | VIOLENZA

VIOLENZA. Due protocolli d’intesa tra i ministri Carfagna, Maroni e Gelmini

Pubblicato il 06 luglio 2009 da Redazione Delt@

(Roma) Sono stati firmati venerdì scorso a Palazzo Chigi, dai Ministr* Carfagna, Gelmini e Maroni, due protocolli d’intesa per contrastare la violenza sulle donne. Si tratta di due documenti tesi a sviluppare sinergie e predisporre e finanziare iniziative per la prevenzione, la formazione, l’educazione, la sensibilizzazione, volte a contrastare uno dei reati fra i più odiosi, la violenza sulle donne e sui minori, aumentando i controlli e le informazioni per contrastare il fenomeno e formando le forze di polizia affinché sappiano rivolgersi nel modo più giusto a chi è colpito da questo reato anche psicologicamente.
“Vogliamo predisporre – ha detto la Ministra Carfagna – azioni sinergiche e di contrasto alla violenza in ogni sua forma, nella scia della ‘tolleranza zero’ voluta dal Governo contro i violenti, ma è nostra intenzione, anche, fare azioni di prevenzione per un fenomeno che purtroppo registra ancora dimensioni e picchi allarmanti.
In sintesi verrà rafforzato il protocollo firmato con Maroni prevede, fra l’altro, lo sviluppo di “iniziative sinergiche, anche in vista dell’adozione del Piano d’azione nazionale contro la violenza sessuale e di genere”; il rafforzamento del numero verde anti-violenza 1522, che sarà collegato non solo con i consulenti giuridici ma anche con le centrali delle forze di polizia; il finanziamento e
l’”ottimizzazione del servizio svolto dal numero di pubblica utilità antiviolenza per le donne 1522, anche in prospettiva della sua maggiore valenza, con l’entrata in vigore della nuova fattispecie penale degli atti persecutori”; il raccordo tra il ‘call center’ e le forze di polizia “per gli episodi che presentino aspetti di competenza delle forze dell’ordine”. Ancora, è intenzione del governo finanziare corsi di aggiornamento del personale di base per la prima assistenza; faremo corsi specifici – in via sperimentale e in città campione – anche per la violenza all’interno delle mura domestiche, spesso coperte dal velo dell’omertà’”.
Il che non vuol dire, per la titolare del Dicastero Pari Opportunità, rispondere alla violenza con la violenza, ma rendere le donne consapevoli delle loro possibilità e aiutarle a vincere la paura”.
“Insomma – ha spiegato Mara Carfagna – l’obiettivo è mettere in campo un’azione sinergica tra il ministero dell’Interno, le Pari opportunità e la scuola, per contrastare la violenza e la discriminazione in ogni sua forma”.
Una delle iniziative più significative, ha sottolineato il Ministro dell’Interno Maroni, è l’impegno dei nostri ministeri con gli enti locali e il mondo della scuola per corsi di autodifesa”. Questa proposta, prevista all’articolo 2 del protocollo, il cui obiettivo, è “contrastare più efficacemente” le violenze sulle donne. Il protocollo d’intesa contro la violenza sulle donne “è un passo avanti importante” nel contrasto a queste forme di crimini e “che aiuterà certamente le forze dell’ordine a reprimere duramente questi tipi di reati”, ha concluso Maroni. Tra gli interventi previsti dal protocollo con Maroni, anche un sito internet, accessibile attraverso link dalle pagine web dei due ministeri,con tutte le informazioni sui servizi di prevenzione della violenza sessuale.
Quanto alle scuole, il protocollo firmato con la Ministra dell’Istruzione Maria Stella Gelmini punta alla “sensibilizzazione e educazione dei giovani, attraverso la partecipazione a conferenze e la distribuzione di materiale informativo”. In questa direzione va l’annunciata istituzione della “Settimana contro la violenza” dal 12 al 18 ottobre nelle scuole.
Durante la settimana ci saranno incontri, dibattiti, conferenze, rivolte agli studenti, ai genitori e ai docenti, per “diffondere la cultura del rispetto e legalità e la cultura del contrasto a ogni forma di discriminazione oltre che razziale, religiosa e di genere. Durante la settimana si cercherà poi di dare adeguata informazione sul numero verde nazionale per l’ascolto e la consulenza in casi di violenza a scuola (800669696) e al numero verde nazionale contro la violenza sulle donne (1522).
Un’occasione – per Gelmini – di “mettere a sistema di tutte le iniziative e le buone pratiche messe in campo dalle scuole con il coinvolgimento delle famiglie. Nell’ultimo anno – precisa la Ministra – al numero verde del Miur sono state 302 le segnalazioni di casi di bullismo a scuola, anche al femminile, mentre al centralino del dicastero arriva una media di sessanta telefonate al giorno”. “Si tratta di un fenomeno al quale non dobbiamo rassegnarci ma che abbiamo già iniziato a contrastare: con il ritorno del voto in condotta e con l’introduzione della nuova materia Cittadinanza e Costituzione, che non è la ‘vecchia’ Educazione Civica. Vogliamo rafforzare la scuola intesa come luogo educativo e di formazione dei nuovi cittadini, consapevoli dei loro diritti ma anche dei loro doveri”. La settimana anti violenza per Gelmini è “un fatto importante mai avvenuto dentro la scuola che ci permetterà anche di valorizzare le buone pratiche e i progetti degli istituti”.
L’intesa non si ferma però ai cinque giorni di attività scolastiche anti-violenza. L’intesa prevede l’adozione di iniziative da realizzarsi nell’ambito dell’offerta formativa curriculare per la promozione della cultura della legalità. Saranno poi predisposte misure di supporto ai genitori, agli insegnanti e ai ragazzi, anche in forma anonima. Per coordinare e programmare le iniziative, sarà istituito un comitato di indirizzo composto da quattro persone, due designate dalle Pari opportunità e due dall’Istruzione.
(Delt@ Anno VII, N. 145 del 6 luglio 2009)

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |, , ,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      settembre 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
       1
      2345678
      9101112131415
      16171819202122
      23242526272829
      30EC

      Archivio anni