Categorizzato | PRIMO PIANO

VIOLENZA. Roma: Ieri Colosseo illuminato a giorno per solidarietà vittima ennesimo stupro

Pubblicato il 17 febbraio 2011 da redazione

(Roma) Su sollecitazione di Monica Cirinnà (consigliera Pd) e Gemma Azuni (Consigliera Sel), rispettivamente presidente e vicepresidente della Commissione delle Elette al Comune di Roma, il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, dopo che lo scorso novembre l’Assemblea capitolina ha  votato la mozione della Commissione delle Elette che impegna l’amministrazione capitolina ad illuminare il Colosseo ogni qual volta si verifica una violenza sulle donne,  ieri sera il monumento  è stato illuminato completamente, allo scopo di far luce sui casi di prevaricazione nei confronti delle donne ed evitare che episodi del genere restino nell’ombra. E’ la prima volta da quando è stata votata la mozione, e l’evento ha voluto testimoniare la solidarietà  e vicinanza a una  giovane turista statunitense, violentata martedì scorso a villa Borghese.

Si tratta di un gesto simbolico ma, come ricordato da Cirinnà e Azuni, è molto importante. “Bisogna non abbassare mai la guardia e continuare a lavorare su questo fronte soprattutto in vista del prossimo bilancio – aggiungono Azuni e Cirinnà  in una nota- puntando anche sulle convenzioni con le associazioni dei diritti e di tutela delle donne, che si occupano tra l’altro di accoglienza alle vittime di abusi sessuali”.

Non è la prima volta, purtroppo, che si registrano nella Capitale ( secondo i dati della Prefettura, a Roma  sono state denunciate nei primi 9 mesi del 2010, ben 154 violenze sessuali) episodi di violenza ai danni di turiste, donne la cui unica colpa è quella di aver dato fiducia a chi poi si è trasformato in carnefice, donne inconsapevoli, ree di trovarsi  nel posto sbagliato al momento sbagliato.  

E’ accaduto  alla studentessa americana diciannovenne,violentata nel giugno scorso dal portiere dell’albergo dove pernottava e ancora, nel 2008 in via Portuense, a Ponte Galeria nella periferia di Roma, dove una coppia di olandesi, in vacanza in bicicletta fu aggredita durante la notte, da due romeni che picchiarono a bastonate il marito, e violentarono a turno la donna, di 52 anni. Sempre un’altra giovane americana di 21 anni dello stato dell’Ohio, in vacanza a Roma,  era stata violentata lo scorso anno da due italiani nei bagni di un locale estivo sul Tevere, sotto Castel Sant’Angelo.

Intanto si apprende che è stato riconosciuto e identificato dalla sua vittima  lo stupratore, un romeno di 29 anni, I.P.J., che ha violentato la donna la sera del 15 ( si tratta di una ragazza di 27 anni originaria della California, in vacanza nella capitale per pochi giorni). L’uomo dormiva cabina telefonica all’interno di Villa Borghese.  E’ stata la stessa ragazza ad aver accompagnato i poliziotti in un sopralluogo effettuato ieri pomeriggio nel parco. L’aggressore, un senza fissa dimora, dormiva nella stessa cabina elettrica, nei pressi della quale è stato arrestato. Nonostante lo choc, sembra che la giovane donna avrebbe espresso la volontà di proseguire la sua permanenza a Roma.

In una nota l’assessora alle Politiche sociali di Roma Capitale, Sveva Belviso, fa sapere che “L’Amministrazione e’ vicina alla turista americana e conferma la disponibilità a fornire alla donna il supporto psicologico necessario per superare, nei limiti del possibile, questo difficile momento. Ringrazio il cittadino che ha aiutato la ragazza e l’ha accompagnata dalla polizia per denunciare l’accaduto e gli uomini del Commissariato Viminale il cui intervento immediato ha consentito di identificare il presunto aggressore”, dichiara Belviso, plaudendo alla decisione di accendere il Colosseo: “Un gesto simbolico che serve proprio a rischiarare tutti i casi che vedono le donne vittime di orrendi episodi di prepotenza e abuso”.

“E’ veramente triste che si verifichino atti del genere a Roma, una città che da sempre e’ emblema di civiltà. In ogni caso – dichiara la senatrice del Pd Mariapia Garavaglia, già vicesindaca della Capitale nella giunta Veltroni – a differenza dalla destra, il Pd si guarderà bene dall’attribuire la colpa di quanto accaduto agli attuali amministratori”. “Questa giovane visitatrice, cui va tutta la mia solidarietà e vicinanza – prosegue Garavaglia – è vittima di una violenza in nessun modo giustificabile, anche se vanno evitate conclusioni sommarie o arbitrarie. Guai ad addossare solo su un singolo, che se colpevole dovrà pagare, le colpe di un sistema di prevenzione che, con ogni evidenza, non ha funzionato”. “Se poi si considera che il sindaco Alemanno – conclude – é stato eletto anche in virtù di una gigantesca campagna denigratoria contro i suoi predecessori proprio sui temi dell’ordine e della sicurezza in città, oggi, alla luce di questi fatti, emerge quanto quelle accuse fossero strumentali”.

(Delt@ Anno IX, n. 3 6 – 37 del 18 – 19 febbraio 2011                    

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |, , , ,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      settembre 2017
      lun mar mer gio ven sab dom
       123
      45678910
      11121314151617
      18192021222324
      252627282930 

      Archivio anni