Categorizzato | VIOLENZA

VIOLENZA. Udi Napoli e Arcidonna: stop alle ragazze in vetrina

Pubblicato il 20 dicembre 2012 da redazione

Le ragazze in vetrina

Nei giorni scorsi sono apparse in alcune vetrine napoletane alcune ragazze semivestite e danzanti , forse al posto dei manichini per movimentare lo shopping di Natale.

Approfittiamo di queste iniziative,  che rendono visibile il risultato dell’ignavia pubblica nel contrasto alle violenze a partire dalla mercificazione concreta dei corpi, per parlare alle donne e alla politica di ciò che non si vede ma che pesantemente interviene nelle nostre vite.

Non una questione di gusto, ma un fondato sospetto di affari sporchi , ci sembra dovrebbe  occupare la mente di chi governa e preoccupare le donne, impoverite dalla crisi.

Negli ultimi decenni si è progressivamente resa socialmente legittima, non legale, l’attività di agenzie che sfruttano e collocano ragazze e donne in occupazioni che rasentano la prostituzione coatta.

L’inoccupazione e la disoccupazione femminili nel nostro paese riguardano circa la metà delle donne in età lavorativa, per questo la vigilanza sul rispetto delle leggi che riguardano le lavoratrici, anche se solo danzano in una vetrina, andrebbe esercitata nell’interesse comune alla dignità dei luoghi d’impiego  e al rispetto dei diritti umani.

Non crediamo che le ragazze in vetrina siano libere professioniste, né crediamo che quelle ragazze abbiano prestato la loro opera per vincoli familiari o di cortesia coi datori di lavoro, come sappiamo per certo che non sono avvertite dell’inconsistenza delle promesse elargite per sottoporle ad un trattamento oggettivamente degradante.  Crediamo che siano nel circuito di agenzie sulle quali non si esprime la minima e necessaria vigilanza. Intuiamo, come altri dovrebbero sospettare, che l’esposizione delle ragazze manichino  nasconde un mercato sfuggente e parallelo a quello del commercio legale e che tratta gli esseri umani come merci .

Chi accende i riflettori su esseri umani trattati come manichini  ne  è responsabile come chi li commercia.

Udi di Napoli, Arcidonna

Napoli, 19/12/2012

http://udidinapoli.blogspot.com

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      luglio 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
      1234567
      891011121314
      15161718192021
      22232425262728
      293031EC

      Archivio anni