Categorizzato | EVENTI

ROMA. Presentazione del volume INCONTRARSI Racconti di donne migranti e native

Pubblicato il 16 ottobre 2012 da redazione

20 ottobre 2012
15:00

Ediesse al Salone dell?editoria sociale

(Roma 18-21 ottobre)

Roma, sabato 20 ottobre, ore 16-18

Porta Futuro, via Galvani 106 (Testaccio)

Presentazione del volume

INCONTRARSI

Racconti di donne migranti e native

A cura di Cristina Ali Farah, Maria Rosa Cutrufelli, Isabella Peretti, Igiaba Scego, Stefania Vulterini

Prefazione di Cecilia D?Elia

Un?antologia di 34 racconti sul tema dell?incontro, scritti da donne migranti

e native, che hanno partecipato al concorso letterario ?Incontrarsi? ? promosso

dal «Caffè letterario» della Casa internazionale delle Donne e patrocinato dall?Assessorato

alla cultura della Provincia di Roma ? pensato per incoraggiare

la «narrazione incrociata» tra migranti e native.

Intervengono

Cristina Ali Farah

Maria Rosa Cutrufelli

Cecilia D?Elia

Alessandro Leogrande

Igiaba Scego

A seguire, la premiazione delle dieci vincitrici

Ludovica Andò leggerà alcuni brani dei racconti premiati. Musiche a cura di Andrea Pandolfo

IL LIBRO

INCONTRARSI

Racconti di donne migranti e native

Collana Sessismoerazzismo, pagine 204, ? 13

La “differenza” è un’occasione di scambio, di crescita. E quando a scrivere sono donne di varie culture, il risultato è sorprendente. Lo dimostra questo libro curato da Cristina Ali Farah, Maria Rosa Cutrufelli, Isabella Peretti, e Stefania Vulterini.

Per chi emigra la parola ha un?importanza decisiva e doppia. La parola ha il compito di tenere vivo il ricordo, da una parte, e, dall?altra, di farsi spazio in un mondo nuovo. Chi emigra è così preso tra due «parole» e due lingue, una da ricordare, l?altra da imparare. Negli ultimi anni alcune donne, provenienti da paesi diversi e fra loro lontani, hanno compiuto una scelta coraggiosa: quella di utilizzare la lingua nuova, cioè la lingua straniera e «matrigna», non più soltanto in modo funzionale, per fruire al meglio delle opportunità offerte dalla società di accoglienza, ma per raccontare. Per queste migranti la scrittura, il racconto, la narrazione nella nuova lingua sono fondamentali strumenti di autorappresentazione e di «rappresentazione» dei mutamenti che intervengono in un contesto particolare come quello dell?emigrazione. Per chi ha alle spalle una famiglia di origine straniera ma è da tempo cittadina del nostro paese, anche al di là del riconoscimento giuridico, scrivere è comunque anche un rapportarsi con una cultura e una terra più o meno lontane, con la propria identità mobile e ricca di esperienze.

Anche le «native», sempre più spesso presenti e attive in associazioni interculturali, amano raccontare l?impatto che l?incontro con «l?altra» ha sulle loro vite. Questi racconti sono senz?altro un?impareggiabile occasione di confronto e un momento di scambio reale e profondo attraverso la comparazione dei vari «punti di vista» e dei modi di narrare il nostro mondo comune. Per questo il «Caffè letterario» della Casa internazionale delle Donne, con il sostegno e il patrocinio della Provincia di Roma, si è proposto di incoraggiare la «narrazione incrociata» tra migranti e native, residenti a Roma e provincia, tramite un apposito concorso letterario, rivolto alle donne, che avrà ricorrenza annuale. «Un pensiero vivo- affermano le curatrici della collana – può nascere dalle relazioni tra donne e uomini di ogni origine, quando pratiche, conoscenze e arti li fanno mutualmente riconoscere nella diversità, per ricreare, ogni volta, la cultura».

«Quelle raccontate nel volume sono storie di arrivi e di partenze, storie di amori e di passioni, di violenze e di riscatti ? spiega Cecilia D?Elia nella prefazione ? un caleidoscopio di visioni di assoluta libertà aperte sul nostro presente e fatte da punti di vista originali. I racconti descrivono infatti luoghi umani di straordinaria intensità: mariti conosciuti solo per telefono, figli rivisti dopo decenni, madri che ritornano a scuola, amicizie fortissime nate senza l?ausilio di una sola parola comune, amori che scavalcano pregiudizi e… metal detector. In tutte le pagine vive la letteratura di più generazioni di autrici le quali danno valore al proprio percorso umano e sperimentano nel proprio contesto sociale sia l?urgenza della comunicazione».

L?antologia è il primo risultato di questo lavoro. Con una prefazione di Cecilia D?Elia, assessore alla Cultura della Provincia di Roma, e l?introduzione delle componenti della giuria, contiene i dieci racconti delle vincitrici; la giuria ha comunque deciso di pubblicare tutti i 34 testi pervenuti, per il loro valore intrinseco. Sono infatti una preziosa testimonianza di quanto può essere lungo il cammino che ci porta alla reciproca conoscenza. E di quanto può essere ricco.

Info

Ufficio stampa Casa editrice Ediesse _Carla Pagani

Viale di Porta Tiburtina 36 – 00185 Roma
tel. 06 44870286 cel. 338 1143059 ufficiostampa@ediesseonline.it

www.ediesseonline.it

Per acquistare

www.ediesseonline.it/cart

oppure acquisti@ediesseonline.it

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      ottobre 2012
      lun mar mer gio ven sab dom
      1234567
      891011121314
      15161718192021
      22232425262728
      293031EC

      Archivio anni