Categorizzato | PARI OPPORTUNITA'

PARI OPPORTUNITA’. Consulta Regionale femminile Lazio chiede Commissione di Vigilanza Rai

Pubblicato il 29 maggio 2009 da Redazione Delt@

(Roma) Donatina Persichetti, Presidente della Consulta Regionale Femminile del Lazio, e la coordinatrice del Gruppo Pluralismo, Informazione e Comunicazione, Nella Condorelli , in una lettera inviata al Presidente della Commissione di Vigilanza RAI , Sergio Zavoli, e ai – alle ed ai Componenti della Commissione di Vigilanza RAI , sollecitano una maggiore presenza delle donne nei media televisivi di servizio pubblico. Presenza – lamenta la Consulta – che in questa tornata
elettorale è pressoché inesistente.
Ricordando che nel 1995 la RAI firmò con le altre televisioni pubbliche degli Stati membri la “Carta per le Pari Opportunità nei sistemi pubblici radio-televisivi”, “che riguardava tanto il riequilibrio della presenza donna–uomo nell’organigramma aziendale, nelle carriere e nei posti decisionali, quanto – si legge nella lettera – la partecipazione femminile plurale alle trasmissioni televisive, e la diffusione di un’immagine femminile plurale, non stereotipata e non discriminante, nei programmi”, viene denunciato, ancora una volta, “l’’oscuramento della presenza delle donne candidate con la conseguente invisibilità della loro proposta politica.
Ne consegue una fortissima penalizzazione delle candidature femminili, intollerabile per la democrazia ed il dibattito democratico nel nostro Paese e per quanto previsto dalla nostra Carta Costituzionale, fondata sull’uguaglianza e sulla pari dignità tra donne e uomini.
Riteniamo doveroso sottolineare anche i numerosi richiami più volte espressi dal Presidente della Repubblica in questa direzione.
Pertanto, Le chiediamo e chiediamo alla Commissione di Vigilanza RAI di intervenire affinchè, nell’informazione in campagna elettorale prevista dalla “par condicio”siano garantite anche le pari opportunità di genere.
Chiediamo che venga data alle candidate la possibilità di esprimersi e confrontarsi con il pubblico delle elettrici e degli elettori, anche attraverso format mirati, per garantire il paritario accesso all’informazione diretta al grande pubblico, permettendo nei fatti a milioni di telespettatori e telespettatrici di usufruire del diritto ad un’informazione plurale e ampiamente rappresentativa”.
(Delt@ Anno VII, N. 115 – 116 del 29 – 30 maggio 2009)

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |, ,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      aprile 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
      1234567
      891011121314
      15161718192021
      22232425262728
      2930EC

      Archivio anni