Categorizzato | EVENTI

NAPOLI. Cartello antiviolenza delle donne napoletane: andiamo a trovare il Presidente Caldoro!

Pubblicato il 15 dicembre 2011 da redazione

21 dicembre 2011
18:00

(Napoli) Una data, – 21 dicembre,ore 10.00, Palazzo della Regione – Santa Lucia – Napoli – e un fermo proposito quello del cartello antiviolenza delle donne napoletane, andare a trovare il Presidente Caldoro per ricordargli:

Oltre 10 milioni di euro (del totale di 14)- Fondi FSE bloccati alla regione

Sono i fondi per le donne di Napoli e Manca la firma del presidente della Regione

Da 4 anni

“Abbiamo smesso di chiederci perché i fondi sono stati bloccati:

• visto che si tratta di fondi non sottoposti al patto di stabilità

• visto che sono fondi aggiuntivi che non prevedono il finanziamento del comune

• visto che sono fondi destinati dall’Europa a tutti quei settori d’intervento nei quali lo Stato e gli enti locali sono stati considerati in ritardo ingiustificabile nei confronti delle cittadine Italiane, le più maltrattate d’occidente

• visto che la mancata apposizione della firma, atto dovuto, farà andare persi dei fondi, la cui mancanza viene di solito usata come pretesto per la totale assenza di servizi e di interventi nei confronti delle cittadine più povere d’Europa.

I fondi dell’FSE sono destinati ai servizi antiviolenza, alla promozione dell’occupazione, alla convivenza civile…e allora”.

Noi abbiamo smesso di chiederci perché

Vogliamo la firma subito!

“Abbiamo denunciato il fatto alla Procura – dichiarano in una nota –  e al presidente Barroso, perché non si tratta di un banale ritardo, ma della volontà di fare un altro affronto a noi donne del paese peggio governato in Europa.

Noi abbiamo smesso di chiederci perché, ma sappiamo che la totale assenza dell’investimento pubblico significa arricchimento per gli speculatori: come sta avvenendo nella cura dei tumori della sfera femminile.

Noi abbiamo smesso di chiederci perché,   ma sappiamo che nel paese dominato dalle Mafie, l’assenza dello Stato è la condizione per favorirle.

Basta coi perché, ora la risposta:

la firma!

Il cartello antiviolenza delle donne Napoletane (udi di napoli, arcidonna napoli, arcilesbica, sottencoppa/lilith, le kassandre, la casa delle donne di napoli, donnesudonne, associazione maddalena, coop.xenia, centro eva, dedalus, ass. febe, csv, l’isola che non c’è, orsamaggiore, ass.salute donne, coordinamento donne sel, dream team, comitato 194, donne in nero Napoli, Marcella Raiola)

verità-giustizia-risarcimento

(Delt@ Anno IX, n. 247 del 15 dicembre  2011)

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      dicembre 2011
      lun mar mer gio ven sab dom
       1234
      567891011
      12131415161718
      19202122232425
      262728293031 

      Archivio anni