Categorizzato | APPROFONDIMENTI

MGF. Non chiamatele modificazioni

Pubblicato il 21 dicembre 2009 da Redazione Delt@

(Roma) Mutilazioni genitali femminili: un argomento che dopo la Conferenza internazionale sulla violenza contro le donne alla Farnesina, i primi di settembre (criticata da gran parte del movimento delle donne, che ha parlato di “mancata analisi dei rapporti di genere, e di aver impedito che il movimento delle donne fosse minimamente rappresentato”), ha trovato spazio anche nell’annuale Assemblea Generale dell’Onu, che si è chiusa una settimana fa, con la richiesta, da parte dell’Italia, che l’Onu approvi entro un anno una risoluzione che incida nella direzione dell’eradicazione della pratica, non solo ancora largamente diffusa soprattutto nei Paesi africani, ma nella stessa Europa, dove i vari stati, singolarmente, tentano di osteggiare, combattere, vietare – con scarsi risultati finora – un fenomeno che è principalmente culturale e che è ormai praticato da anni nelle comunità immigrate di tutto il mondo, Italia compresa, dove, stima una recente indagine del Governo, vivrebbero 35mila, tra donne e bambine che hanno subito una dei 4 tipi di Mgf (1: escissione del prepuzio con o senza escissione da parte della clitoride o della clitoride intera; 2: escissione della clitoride con l’escissione parziale o totale delle piccole labbra; 3. Escissione parziale o completa dei genitali esterni e cucitura/restringimento dell’apertura vaginale (infibulazione); 4: tutte le altre operazioni sui genitali inclusi: puntura, foratura, tiraggio e/o incisione della clitoride e/o delle labbra; cauterizzazione bruciando la clitoride e il tessuto circostante; incisione della parete vaginale; raschiamento (taglio detto angurya) o taglio della vagina e del tessuto circostante (taglio detto gishiri); introduzione di sostanze corrosive o erbe nella vagina per provocare emorragia o contrazione o restringimento; ogni altra procedura che può ricadere nella definizione di MGF già data.

In questo mese di settembre, a cercare di far luce su una pratica considerata una gravissima violazione dei diritti umani fondamentali, e che nel mondo interessa 140 milioni di donne e bambine (dati OMS), sono stati organizzati diversi incontri, iniziative, dibattiti, nuove considerazioni, risultati e pubblicazioni, video ecc, e altre sono in calendario, come quella prevista per oggi, Mercoledì 30 settembre, (dalle 10.00 alle 13.00, in via di Torre Argentina 76), organizzata dall’associazione radicale Non c’e’ Pace Senza Giustizia, e alla quale sono stat* invitat* parlamentari, associazioni impegnate nella lotta alle mutilazioni genitali femminili, medici specializzati nella prevenzione e nella cura di tale pratica, e persone della società civile.

Obiettivo dell’incontro, fare il punto sulle misure politiche, giuridiche e sociali adottate finora per arginare e prevenire le MGF sia nei Paesi della fascia sub-Sahariana, dove sono praticate, che nelle comunità immigrate in Italia e nel mondo. Inoltre – come ricorda Non c’è pace senza giustizia -, nel quadro più ampio della campagna condotta dall’associazione per i diritti umani fin dal 2001, al fianco delle attiviste africane, per l’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili, sarà presentato il progetto in corso che mira a favorire l’adozione e l’attuazione, nei paesi dell’Africa occidentale, di leggi efficaci per la messa al bando delle mgf che, afferma l’associazione per i diritti umani, “devono essere trattate esplicitamente come una violazione dei diritti umani e come tale devono essere affrontate”.

Precedentemente a questo incontro, l’associazione NODI (I nostri diritti-Associazione di donne immigrate) in occasione della chiusura del progetto ‘Stop MGF’, finanziato dal Dipartimento per da lei le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha presentato i risultati della campagna di sensibilizzazione da lei promossa, che ha coinvolto 5 province del Lazio. Questo progetto in 20 mesi ha mappato luoghi d’incontro e servizi utilizzati dalle comunità straniere a rischio MGF nel territorio.

L’AIDOS, nel tentativo di avvicinare a culture e tradizioni diverse che affondano le proprie radici in complesse dinamiche socio-culturali (e tra queste, appunto, le mutilazioni dei genitali femminili), ha invece proposto (lo scorso 11 settembre) un evento artistico al Teatro Palladium di Roma con il convegno ‘Mutilazione dei genitali femminili: imposizione o appartenenza?’, e la docu-fiction ‘Vite in cammino’, riproponendo inoltre, l’ormai noto ‘Moolaade” che racconta il percorso di cambiamento verso l’abbandono della pratica in Africa.

Ma non è facile per chi è cresciuto in un mondo in cui le mutilazioni genitali femminili fanno parte del’normale’ percorso di costruzione dell’identità’ di una donna e di strutturazione delle relazioni tra i sessi, schierarsi al di fuori della propria cultura d’origine e abbandonare la pratica, o cercare di aprirsi con chi ha veramente voglia di capire e di ascoltare, senza giudicare chi non la rifiuta e accetta consapevolmente.

E’ il senso del progetto Corpi consapevoli: mgf e integrazione nello stato di diritto, finanziato dal Dipartimento Pari Opportunità e condiviso da un ampio partenariato (ISTISSS onlus, Coop BE Free – Cooperativa Sociale contro tratta, violenza e discriminazioni, Donna Tv, Assolei Sportello Donna Onlus, Dipartimento di Filosofia Roma Tre, Lobby Europea delle donne, Integra, e la nostra agenzia di stampa), che ha presentato venerdì 25 settembre (a Roma Tre) i risultati del progetto (analisi, informazione, sensibilizzazione e produzione di strumenti, quali una ricerca (consulente è stata Laura Moschini, dottora di ricerca in Dottrine politiche e questione femminile) che ha indagato le rappresentazioni riguardanti le Mgf, rilevandone modelli culturali prevalenti sulla pratica che organizzano la relazione di convivenza, al fine di costruire degli indicatori qualitativi che orientino l’azione delle campagne informative e di sensibilizzazione; un opuscolo informativo sulla legislazione italiana e internazionale in materia; un documentario (realizzato da Donna Tv) e un libro, le cui finalità erano quelle di rendere evidente la dimensione di trasversalità delle problematiche di genere in cui le donne si raccontino e raccontino le proprie difficoltà e le strategie messe in atto per superare le difficoltà cui vanno incontro, e infine un sito fruibile a tutte.

Da segnalare, nel capitolo 2 del volume curato da Alessandra Forteschi e Oria Gargano (Be free) la parte della ricerca che riguarda le parole attraverso le quali la stampa quotidiana e i periodici specializzati affrontano il tema della Mgf. Ciò che emerge è “il nostro pesante giudizio di valore su una pratica culturale, evidentemente poco esplorata, più volte definita barbara, tribale, oscura, primitiva e incivile. Allo stesso tempo – è la conclusione delle ricercatrici – coloro che praticano le Mgf sarebbero: carnefici, ignoranti, fanatici, insensat* e superstizios*, non a caso rigorosamente extra – europei”.

Non c’è da meravigliarsi, quindi, della difficoltà a dialogare con le donne direttamente interessate dalla pratica, difficoltà riscontrata nelle campagne informative messe in atto finora, e anche in questo progetto. Perché? “Perché sono stanche di parlare di loro solo in termini di vittime (donne che subiscono, sottomesse a una cultura patriarcale, donne non libere). “Stanche ma anche infastidite – ci spiega Antonella Petricone (BE free), che ha realizzato le interviste, con Eleonora Selvi, fondatrice e direttora di DonnaTv – da questo tipo di approccio che spesso anche non volendo è pregiudizievole, stereotipante, giudicante, poco corretto e sbagliato, perché non ne indaga le implicazioni culturali e simboliche, e di conseguenza non permette uno scambio e un reale momento di confronto con loro”.

“Forse – conclude Petricone – lavorandoci un pochino di più e cercando di conoscere meglio queste donne, entrando nel quotidiano di una relazione che quindi non significa soltanto ti intervisto e poi sparisco, forse lì si riescono a trovare dei punti di incontro. Non si fidano e non capiscono perché noi ci appropriamo di una lotta che dovrebbe essere la loro, della quale semmai dovremmo essere noi a essere incluse nei progetti che loro propongono rispetto a un problema che conoscono bene, rispetto al quale hanno ben presenti quali siano le strategie da adottare, per questo, nei loro Paesi d’origine o all’interno delle loro comunità di appartenenza in quelli dove vivono portano avanti delle lotte quotidiane”.

Come non condividere quanto ha ricordato Daniela Colombo (Aidos), rispetto all’incontro programmato il 25 settembre scorso a New York sulle mgf: “si devono muovere i Paesi africani, non l’Italia”, che dovrebbe invece garantire un sostegno finanziario certo ai programmi internazionali … E invece è noto come il nostro Paese ha ridotto drasticamente i suoi finanziamenti, per esempio all’Unifem e Unfra, due tra i tanti soggetti a livello internazionale, che, rispetto alla pratica hanno maturato alcune buone pratiche nei paesi d’origine. Buone pratiche delle quali si ha il polso nel volume curato da Gargano e Forteschi (con i contributi di Federico Fanelli (psicologo), Petricone, Selvi, Federica Ruggero e Nancy Rizzo (sociologa e psicologa), che elenca ciò che è stato fatto in Kenya (riti di passaggio alternativi), in Uganda (corsi di formazione per chi le praticava), i workshop nelle scuole secondarie nel West Darfur, campagne sui media, il coinvolgimento delle comunità, come in Uganda, o delle radio locali come in Gambia, solo per citarne alcune.

Tante, tante buone pratiche di cui spesso a noi non arriva neanche l’eco, e che il sito realizzato grazie al progetto (http://www.mutilazionigenitalifemminili.it/), fruibile a più persone è pronto ad ospitare. Un sito da implementare, vissuto come un laboratorio on – line dove ognuna/o può dare il proprio contributo, la propria visione del fenomeno e segnalare tutte le novità in materia.

(Delt@ Anno VII, N 176 del 30 settembre 2009)

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      ottobre 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
       123456
      78910111213
      14151617181920
      21222324252627
      28293031EC

      Archivio anni