Categorizzato | EVENTI

L’Aquila/Ricostruzione: imprenditrici a convegno con Barca e Catricala’

Pubblicato il 31 gennaio 2012 da redazione

24 marzo 2012
16:00

30 Gennaio 2012 – 13:37

(ASCA) – L’Aquila, 30 nov – ”Imprenditrici per L’Aquila” e’ il titolo dell’iniziativa, promossa dalla Fondazione Bellisario, in programma il 24 marzo prossimo al ”San Donato Resort & Spa” di Santi di Preturo (L’Aquila). ”L’Aquila oltre la crisi economica e finanziaria” e ”Le imprenditrici per L’Aquila: insieme per la rinascita” i temi delle due tavole rotonde che vedranno la partecipazione del ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, appena incaricato dal Presidente del Consiglio, Mario Monti, del coordinamento dei provvedimenti per accelerare la ricostruzione dell’Aquila, e del sottosegretario Antonio Catricala’, anche lui incaricato di contribuire al tavolo delle iniziative. Insieme a loro, esponenti dell’economia, della finanza e della cultura e imprenditrici, pronte a investire e scommettere sulla rinascita del capoluogo abruzzese, discuteranno di strumenti, proposte e progetti concreti per dare un impulso deciso alla ripresa dell’economia aquilana. ”All’Aquila la crisi economica e’ amplificata dai danni che il terremoto ha provocato nei settori produttivi, per il decentramento della popolazione e per la perdita della socialita’ quale conseguenza della nuova pianificazione abitativa”, si legge nel rapporto che il Governo ha inviato a Bruxelles per perorare la costituzione di una zona franca con relativi benefici fiscali ed economici. ”I riflettori – sostengono le promotrici dell’evento fortemente voluto dal Comitato abruzzese della Fondazione Bellisario, guidato da Annalisa Di Stefano, e con il deciso e convinto contributo di un aquilana di rango, come la Senatrice Elena Marinucci – sono importanti ma non bastano: la ricostruzione deve essere prima di tutto economica e sociale. Confindustria stima in 7 mila i disoccupati; secondo Confcommercio delle 900 attivita’ commerciali presenti in centro storico solo 600 si sono ricollocate in periferia, 300 non hanno riaperto e appena 31 sono tornate nel centro storico; per non parlare del crollo dell’attivita’ turistica”. ”Bisogna parlare di questi numeri e fare proposte concrete, chiamare a raccolta le migliori energie del Paese – esortano – In Italia abbiamo un milione e mezzo di ‘capitane coraggiose’ e l’imprenditoria femminile e’ uno dei pochi parametri che ha registrato un aumento nell’ultimo anno. Dalle donne vogliamo e possiamo partire per il rilancio di una realta’ importante del Paese come l’Abruzzo”. iso

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra

      Archivio anni