Categorizzato | INFORMAZIONE

INFORMAZIONE. Elezioni 2012 INPGI L’invito al voto di GIOI – Giornaliste e Operatrici dell’Informazione ER

Pubblicato il 28 febbraio 2012 da redazione

(Roma) Da, lunedì 27 febbraio, al 1° marzo online e dal 3 al 4 marzo al seggio, si vota per il rinnovo degli organismi amministrativi dell’INPGI, l’Istituto di previdenza dei giornalisti e delle giornaliste.

Il collettivo GIOI –Giornaliste e Operatrici dell’Informazione ER, auspicando una maggiore presenza femminile in tutte le sedi pubbliche e private per raggiungere equa rappresentanza di cittadine e cittadini e condizioni di democrazia piena nel nostro Paese, invita colleghi e colleghe a sostenere, attraverso il voto, LA CANDIDATURA DELLE DONNE ISCRITTE NELLE DIVERSE LISTE ELETTORALI.

Il collettivo GIOI ha deciso di esprimere e presentare in questa occasione la candidatura indipendente al Comitato amministratore Gestione Separata (INPGI 2) – Scheda Verde, Lista Unica Nazionale – di Daniela Ricci, giornalista freelance che condivide e ha in comune con le colleghe del collettivo e numerosi altri colleghi e colleghe, esperienze, condizioni lavorative, idee e progetti sulla nostra professione.

Le elezioni Inpgi si terranno:

mediante utilizzo del voto elettronico (è necessario dotarsi di codice e password. Seguire le indicazioni alla pagina:  http://www.inpgi.it/?q=node/928) nei giorni di:

lunedì 27 febbraio 2012 dalle ore 12 alle 22,

martedì 28 febbraio e mercoledì 29 febbraio dalle ore 8 alle ore 22,

giovedì 1° marzo 2012 dalle ore 8 alle 12;

presso i seggi elettorali nei giorni di:

sabato 3 marzo 2012 e domenica 4 marzo 2012, dalle ore 10 alle ore 20.

Per maggiori informazioni e per indicazioni sulle modalità di voto, consultare la pagina: http://www.inpgi.it/?q=node/957

GIOI –Giornaliste e Operatrici dell’Informazione ER

PRECARIETÀ E WELFARE, CRISI OCCUPAZIONALE, LAVORO NERO, DISCRIMINAZIONI, MATERNITÀ, PENSIONI: RICOMINCIAMO DAI DIRITTI E DALLA DIGNITÀ DEL LAVORO

L’ultimo gravissimo caso di discriminazione, riguarda la clausola sulla maternità del contratto di consulenza Rai per collaboratrici e collaboratori esterni a partita Iva con cui l’azienda si riserva di arrivare alla risoluzione del contratto in caso di ”malattia, infortunio, gravidanza”.

Il giornalismo non è una professione per privilegiati ma un mestiere sempre più frammentato, intaccato da un male, la precarietà, che affonda diritti e vite, che conduce alla marginalizzazione professionale e che grava sul futuro, come il presente, di decine di migliaia di colleghi e colleghe non tutelati/e e sottopagati/e e sul futuro stesso dell’informazione che rischia di essere sempre meno qualificata, libera e indipendente.

Nel 2011, secondo i dati della ricerca 2011 Lsdi, il numero degli iscritti e delle iscritte all’Ordine ha superato il tetto dei/delle 110 mila.

I giornalisti e le giornaliste attivi/e ‘’visibili’’ effettivi/e (con una posizione contributiva attiva all’Inpgi) alla fine del 2010 erano quasi 45 mila: circa 25 mila fra autonomi e parasubordinati (Co.co.co), appena meno di 20 mila nel campo del lavoro subordinato.

50 mila iscritti/e non hanno alcuna posizione all’ Inpgi e risultano inattivi/e.

In crescita la percentuale femminile nella professione. Fra gli autonomi, alla fine del 2010 le donne erano quasi 11 mila (42,4%). Fra i giornalisti con lavoro subordinato le donne erano oltre 7.700 (passate dal 38,7% del 2009 al 39% del 2010); poco più di12 mila gli uomini.

E mentre continua a crescere il lavoro autonomo – la fascia meno protetta della categoria, la più sfruttata, senza la quale non verrebbe pubblicata la maggior parte dei quotidiani e delle notizie radiotelevisive e su pagine web – che registra un ulteriore impoverimento economico, è in calo nelle redazioni il lavoro subordinato, sparisce il turnover e gli ‘’attivi’’ continuano ad invecchiare.

I dati confermano un accentuarsi della frattura esistente fra lavoro subordinato e lavoro autonomo.

Si tratta di un divario che non accenna a colmarsi e che rappresenta probabilmente la questione più complessa da affrontare per la categoria, il sindacato dei giornalisti e lo stesso ente di previdenza, l’Inpgi.

E con essa, i nodi “caldi” del lavoro giornalistico, e particolarmente di quello femminile, maggiormente penalizzato nel settore: precarietà e welfare, crisi occupazionale, lavoro nero, discriminazioni, maternità, pensioni, sui quali è urgente intervenire.

Queste le priorità:

Contrasto precarietà

reale rispetto del lavoro e dei diritti, per colmare i vuoti esistenti, esigendo il riconoscimento di quei principi di responsabilità necessari e dovuti; contrasto al lavoro sommerso e non riconosciuto;

riconoscimento maternità per tutte;

incentivi assunzioni femminili, in particolare under 35 e over 50;

incentivi a favore di nuove imprese al femminile;

corsi di formazione e specializzazione professionale qualificati e gratuiti per tutte/i.

Welfare
protezione sociale, estensione ammortizzatori, forme di solidarietà e sostegno per collaboratori e collaboratrici precari/e nei periodi di forzata interruzione dell’attività professionale per coprire il lavoro discontinuo e gli eventi imprevedibili di chi non ha un contratto a tempo indeterminato;

welfare femminile adeguato (asili nido e servizi alla persona);

assistenza e degenza per malattia;

tutela pensioni.

Rappresentanza femminile

Colmare gli attuali vuoti di presenza per le donne nei ruoli di rappresentanza per adeguarsi alle normative odierne, portando ad un equilibrio paritario la rappresentanza femminile e quella maschile in tutte le sedi e i luoghi dove vengono prese le decisioni.

Programmi e interventi capaci di garantire maggiore trasparenza e vicinanza iscritte/i

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |, , , , ,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      luglio 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
      1234567
      891011121314
      15161718192021
      22232425262728
      293031EC

      Archivio anni