Categorizzato | EVIDENZA

DIRITTI.Bruxelles Il 1 aprile una marcia per il diritto di aborto in Europa

Pubblicato il 29 marzo 2010 da Redazione Delt@

(Roma) Il 3 aprile 1990 il Belgio votava la legge Lallemand / Herman-Michielsens, che legalizza in parte l’aborto. 20 anni dopo, per celebrare questa legge, una piattaforma di organizzazioni provenienti da Belgio, Cipro, Irlanda e Polonia desidera ricordare che il diritto di abortire è un diritto fondamentale per tutte le donne. L’intenzione é anche di sostenere tutte le donne che vivono nei quattro paesi europei che si rifiutano di riconoscere questo diritto (Cipro, Irlanda, Malta e Polonia) per questo è stata organizzata una marcia per il diritto di abortire in Europa il 1° Aprile a Bruxelles per esprimere la loro solidarietà e supporto alle loro richieste.
Grazie ad una piattaforma, le organizzazioni che hanno avviato la marcia per il diritto di abortire in Europa, hanno rilasciato una ‘lettera aperta’ che invita:
• i governi di Cipro, Irlanda, Malta e Polonia a modificare le loro leggi e ad informare le donne e gli uomini che vivono sul loro territorio del cambiamento;
• tutte le autorità dell’UE ad adottare misure di loro competenza per garantire che tutte le donne che vivono in Europa possano godere dei loro diritti sessuali e riproduttivi.
La piattaforma richiama l’attenzione delle organizzazioni della società civile e dei politici a livello nazionale ed europeo a sostenere la lettera attraverso la sua sottoscrizione. Il 1° aprile, la lettera aperta con l’indicazione di tutti i firmatari, sarà inviata agli Stati europei che non riconoscono il diritto delle donne di abortire ed alle istituzioni dell’Unione Europea.
Il 1 ° aprile durante la marcia, la piattaforma invierà la lettera aperta anche agli ambasciatori di questi paesi con sede a Bruxelles.
La piattaforma invita le persone e le organizzazioni che sostengono la libera scelta delle donne di continuare o meno una gravidanza a partecipare a questa marcia di solidarietà.
L’ incontro è in programma alle 10.00, di fronte all’ambasciata di Polonia, Rue des Gaulois 29 1040 a Bruxelles (vicino al Parc du Cinquantenaire – stazione della metropolitana Mérode). La marcia passerà davanti alle ambasciate di Cipro e Malta, e si fermerà di fronte a quella d’Irlanda intorno alle 13.00.
Questa marcia è parte della campagna avviata dalla Federazione dei centri di pianificazione familiare degli FPS, dalla Federazione Laica dei Centri di pianificazione familiare e dal Centro d’azione Laica, in collaborazione con l’ Università delle Donne e GACEHPA, per celebrare il ventesimo anniversario della legge belga che depenalizza l’aborto.
Dopo la Marcia, sempre il 1 Aprile, è stato organizzato un convegno dal titolo “Dalla sovversione del diritto. 20 anni dopo la legge sull’aborto” al Campus Erasme alle 16.00.
Per maggiori informazioni sull’iniziativa consultare: www.planningsfps.be
www.planningfamilial.net, www.laicite.be, EWL Centre on violence against women.
(Delt@ Anno VIII, n. 67 del 29 marzo 2010) (Rachele Bimbi)

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      giugno 2019
      lun mar mer gio ven sab dom
       12
      3456789
      10111213141516
      17181920212223
      24252627282930

      Archivio anni