Categorizzato | AMBIENTE

AMBIENTE. GREENPEACE: Vittoria! Barbie dice no al packaging che distrugge le foreste

Pubblicato il 05 ottobre 2011 da redazione

(Roma)  Mattel, il gigante del settore dei giocattoli, produttore della bambola più famosa al mondo, ha annunciato oggi che interromperà i propri rapporti commerciali con aziende che distruggono la foresta indonesiana [1]. Una nuova grande vittoria della campagna internazionale “Barbie ti mollo” [2] lanciata da Greenpeace.

In più “Mattel  - rende noto Greenpeace in una nota stampa -ha imposto una condizione vincolante a tutti i propri fornitori: evitare fibre di cellulosa provenienti da aziende notoriamente coinvolte in fenomeni di distruzione forestale [3]. Tra queste, il gruppo Asia Pulp and Paper (APP) che, come dimostrato dai ricercatori di Greenpeace, è colpevole di fenomeni di deforestazione illegale nelle ultime foreste torbiere in Indonesia.

“La foresta pluviale indonesiana è la casa delle ultime tigri di Sumatra. Non c’è posto in questo paradiso di biodiversità per aziende che vogliono distruggerla per produrre packaging usa e getta. – commenta Chiara Campione, responsabile della Campagna Foreste di Greenpeace Italia – Mattel lo ha capito e ha sviluppato delle nuove e responsabili politiche di acquisto della carta.”

La decisione di Mattel è un’ulteriore conferma per APP che la distruzione delle foreste non è un buon modo per fare affari. Tanto più che perfino la Golden Agri Resources, azienda produttrice di olio di palma appartenente allo stesso gruppo multinazionale di APP, si è impegnata a garantire ai propri clienti olio di palma che non proviene dalla deforestazione ottenendo, in breve tempo, nuovi clienti e contratti molto vantaggiosi. APP ha invece  deciso di continuare a distruggere indiscriminatamente preziose foreste, come documentato dalle immagini raccolte nelle ultime due settimane nel corso del “Tiger eye tour” di Greenpeace.

“Siamo felici dell’impegno preso da Mattel, che monitoreremo da vicino per assicurarci che le promesse vengano mantenute. Continueremo a spingere le altre aziende del settore dei giocattoli, tra cui Disney e Hasbro, a prendere impegni altrettanto vincolanti” – conclude Campione.

Note:

[1] L’annuncio di Mattel è disponibile a questo link: http://bit.ly/o5gfG7

[2] La campagna “Barbie ti mollo!” http://www.greenpeace.org/italy/barbie/

[3] La nuova politica degli acquisti della carta di Mattel include anche la condizione di non acquistare fibre di cellulosa provenienti da piantagioni che insistono su aree recentemente deforestate, l’aumento delle fibre riciclate e certificate FSC (Forest Stewardship Council) in tutti i propri prodotti e processi aziendali.

Le immagini in alta risoluzione del “Tiger eye tour” sono disponibili su richiesta. Contattare Massimo Guidi, photo e video editor Greenpeace Italia al 348.6811043

Contatti: Ufficio stampa Greenpeace +39 06 68136061 (int.211 – 239 – 203)

Massimo Guidi, foto e video editor, 348.6811043

Cecilia Preite Martinez, ufficio stampa, 348.3988615

Chiara Campione, responsabile campagna Foreste, 347.0100310

(Delt@ Anno IX, n. 189 del 6 ottobre 2011)   

Condividi:
  • Print
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Current
  • LinkedIn
  • Live
  • MySpace
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

Tags |, , , ,

    • VIOLENZA. Farnesina: Terzi celebra Giornata mondiale contro mutilazioni femminili
    • VIOLENZA. Carfagna: non fermare impegno contro mgf
    • VIOLENZA. Nirenstein (pdl), mutilazioni genitali femminili intervento barbarico
    • VIOLENZA. Germontani (FLI), infibulazione inammissibile in Italia
    • VIOLENZA. Fornero, contrastare atteggiamenti violenza donne
    • VIOLENZA. Mgf, progetto pilota nelle scuole toscane
    • RAPPRESENTANZA. Fornero: vigilerò sulla presenza di donne nei cda
    • SALUTE: a Roma Centro Fecondazione per donne affette da endometriosi
    • LUTTI. Morta Anna Maria Longo, storica dirigente di sinistra
      ottobre 2018
      lun mar mer gio ven sab dom
      1234567
      891011121314
      15161718192021
      22232425262728
      293031EC

      Archivio anni